Dossier: Paisatges sonors - Observatori del Paisatge

Informaciķ
a la premsa

2 de juliol de 2008

Il suono nascosto dell'acqua

FRANCO FABBRI

La Repubblica [Crōnica]

Una cittā č anche definita dal suo paesaggio sonoro. E un paesaggio sonoro a sua volta č definito non solo dai suoni che ci sono, ma anche da quelli che mancano. Dunque, una cittā č anche definita da suoni che mancano nel suo paesaggio sonoro. Nel caso di Milano, senza dubbio, l' acqua che scorre. Non basta qualche fontana e fontanella, qualche breve tratto di Naviglio: Milano, che deve la sua storia e la sua ricchezza all' abbondanza dell' acqua che la circonda e che le passa sotto, ha pensato bene di nasconderla. Sono stato qualche giorno in una cittā dell' estremo Nord dell' Europa, che sorge attorno alle rapide di un fiume. Da molto tempo una diga sbarra il fiume e le rapide sono in secca: ma due volte alla settimana le chiuse vengono aperte, il fiume si precipita gių per la gola, tutti corrono a vedere e a sentire. E poi penso a Roma, alle rapide intorno all' Isola Tiberina, o a Torino e al Po che scroscia tra Piazza Vittorio e la Gran Madre. Qui, come ahimé sappiamo, non scorre nemmeno l' aria. Benediciamo quelle poche giornate all' anno in cui tira vento e pulisce l' aria, e fa stormire le fronde degli alberi. Queste cose, sapete, non passano inosservate. Non si vive a lungo impunemente in un posto in cui niente scorre (nemmeno il traffico). Perfino Eraclito ha avuto bisogno di un fiume, per ragionare sul cambiamento. E allora, pensando a questo suono che non c' č, immaginiamo il pensiero metaforico che avrebbe suggerito al filosofo: medhén rei, niente scorre, niente cambia.

 

© 2010/2017 Observatori del Paisatge de Catalunya / Hospici, 8 - 17800 OLOT - Tel: +34 972 27 35 64 · observatori@catpaisatge.net